Navigation – Plan du site
Bulletin platonicien
La tradition platonicienne

Jean-Marc Narbonne, Plotinus in Dialogue with the Gnostics

Claudia Maggi
Référence(s) :

Jean-Marc Narbonne, Plotinus in Dialogue with the Gnostics, Leiden-Boston, Brill, 2011, 152 p.

Texte intégral

1Il volume, che si compone di sei saggi, quattro dei quali qui riproposti dopo essere già stati pubblicati altrove, dedicati al tema comune del rapporto fra Plotino e lo Gnosticismo, mi pare abbia il pregio di una certa continuità nella presentazione della tesi difesa, il che permette al lettore – che concordi o meno con l’idea generale che sorregge il lavoro – di seguire con agilità gli argomenti presentati.

2Narbonne chiarisce fin dalle pagine introduttive quale sia la propria linea guida: egli assume che lo Gnosticismo abbia presentato, nella riflessione plotiniana, un costante punto di riferimento, che si prolunga ben oltre la presenza di una polemica antignostica all’interno dei trattati che ruotano attorno al trentatreesimo (II 9). La prospettiva dello studioso, in altri termini, è quella di una “uninterrupted discussion” (p. 5) tra Plotino e gli Gnostici, che meriterebbe di essere presa a riferimento teoretico per la risoluzione delle questioni esegetiche e speculative presentate dal testo plotiniano alla pari di quanto usualmente si faccia con Aristotele o lo Stoicismo, solo per riportare degli esempi.

3La costellazione di problemi offerti dal ruolo che la materia occupa nella riflessione di Plotino appare a Narbonne un luogo significativo per sondare la validità della propria tesi (cf. The Controversy over the Generation of Matter in Plotinus: the Riddle Resolved?; A Doctrinal Evolution in Plotinus? The Weakness of the Soul in its Relation to Evil). Attraverso una sintetica presentazione della questione della relazione tra materia e male nella tradizione neoplatonica e confrontandosi con la più recente letteratura in merito, lo studioso, con particolare riferimento al quattordicesimo capitolo (ll. 34 ss.) del trattato 51 (I 8), mira a sottolineare l’anomalia della tesi qui presentata tanto rispetto alla riflessione successiva, quanto rispetto ad altri luoghi delle Enneadi. Sarebbe questo, infatti, “the only passage to speak (…) of matter’s generation by the soul” (p. 24), tesi singolarmente vicina a quelle gnostiche e che non pare difesa altrove. Detta anomalia può essere sciolta se si decida di assumere la su citata lente prospettica del dialogo interrotto con gli Gnostici, che permetterebbe di concludere, cercando supporto in II 9, che l’idea dell’anima generatrice della materia sia presentata da Plotino solo allo scopo di essere confutata (cf. pp. 26-27). E solo alla luce del confronto con dottrine che al filosofo dovevano apparire ‘perverse’ si potrebbe spiegare l’articolata quanto complessa dottrina plotiniana della materia, che pare talvolta, nel suo essere presentata come ‘luogo’ del male, introdurre tracce di dualismo in un sistema che rinveniva anche nella continuità monista della generazione la possibilità di confutare quelle visioni discontinue dell’intelligibile su cui lo Gnosticismo cercava i propri puntelli speculativi. La questione diventa, così, singolarmente circolare, giacché il ruolo della materia, e il conseguente dualismo che sembrerebbe derivarne, finiscono con l’essere lo strumento attraverso il quale combattere il dualismo e la discontinuità gnostica, fondata sull’idea di una originaria e ineliminabile perversione dell’anima o di talune anime. L’apparente tautologia degli argomenti plotiniani viene scardinata dallo studioso ricorrendo ad una analisi puntuale e trasversale di passi (cf. II 4, 15; II 5, 4-5) non sempre immediatamente associati al ruolo della hyle (cf. VI 6, 1-3), grazie ai quali egli giunge alla conclusione che “the emergence of matter (…) has nothing to do with the producing or generating activity of a particular entity such as Soul, or even Intellect” (p. 37), nel senso che la materia “does not depend directly on that which, in the series, precedes it immediately, that is to say the Soul or a partial soul” (p. 37). Si tratterebbe, cioè, di liberarsi dell’idea della presenza in Plotino di uno schema causale meramente verticale, per adottarne uno, più complesso ma in grado di sciogliere le aporie sulla materia, in virtù del quale la materia sarebbe prodotta immediatamente dall’Uno al modo in cui lo sarebbe l’Intelletto (cf. gli schemi alle pp. 36-37; 90-91 e relativa analisi). Idea, questa, che consentirebbe il conseguimento di un triplice risultato: 1. comprendere meglio il ruolo che nelle Enneadi avrebbe la questione delle due materie, quella intelligibile e quella sensibile; 2. cogliere la peculiarità di una dottrina il cui scopo sarebbe stato di scardinare “the Gnostic scandal” (p. 53) di una natura intelligibile creatrice del male, senza per ciò ridurre quest’ultimo a mera apparenza priva di un reale senso per l’anima singola, della quale si vuole in ogni caso preservare l’atto responsabile di fronte al male (cf. pp. 80-81); 3. combattere, attraverso un sistema a ‘doppia’ generazione, “the very essence of the Gnostic cosmogony, which is a series of accidental episodes” (cf. A New Type of Causality: Plotinian Contemplative Demiurgy, p. 120). Quest’ultimo aspetto, in particolare, avrebbe spinto Plotino, nel trattato VI 8, a confrontarsi con l’audace tema della “self-causation of the First principle” (cf. New Reflections on God as Causa Sui in Plotinus and its Possible Gnostic Sources, p. 129): questo può essere pienamente compreso, a parere di Narbonne, solo assumendo che il filosofo intendesse combattere con un argomento ad hoc la tendenza gnostica a far risalire l’intero atto derivativo ad una deliberazione che a lui sarebbe apparsa ‘accidentale’ e dunque sostituita da una “self-determination, which is not the freedom of contingencies” (p. 137).

4È infine l’anima un altro luogo problematico nel quale Narbonne ritiene fecondo il riferimento al dialogo tra Plotino e gli Gnostici (cf. The Riddle of the Partly Undescendend Soul in Plotinus: the Gnostic/Hermetic Path of the homoousios). Lo studioso ha in mente in particolare la complessa questione dell’anima non discesa, dottrina criticata dal neoplatonismo successivo ma che, paradossalmente, “would not have appeared strange to the Gnostics” (p. 56), in ragione della loro ammissione di una tripartizione di anime, alcune delle quali, le pneumatiche, avrebbero mantenuto, per così dire, un contatto costante con il Pleroma, tanto da essere predestinate alla salvezza. Ora, se tale dottrina, così eccentrica se vista all’interno della sola tradizione platonica, acquista un pieno senso alla luce di tangenze con la speculazione gnostica, è proprio a partire dal confronto con questa che, a detta di Narbonne, essa può essere meglio compresa. Impossibile ripercorrere in questa presentazione tutti i nodi attraverso i quali si dipana l’analisi dello studioso: basti dire che egli, allargando lo sguardo fino a comprendere il sesto trattato (IV 8) per ordine di composizione, mira a dimostrare come esso possa rappresentare “the first manifesto (…) of a great anti-Gnostic cycle (…) which culminates in treatise 33” (p. 76).

5Anche la nota affermazione presentata in VI 9, 11, 51, che sembra sollecitare ad un’ascesa dell’anima singola fino al primo principio e che in tale esortazione parrebbe negare la gradualità e continuità della generazione ipostatica, può essere meglio inquadrata una volta che sia stata posta in relazione con la critica plotiniana a certi modelli gnostici di ascesa dell’anima (cf. A New Sign of the Impact of the Quarrel against the Gnostics on Plotinus’ Thought: Two Modes of Reascent in 9 (VI 9) and 37 (VI 8)). Attraverso un attento confronto con alcune sezioni di VI 7, 36, dove sembra essere invocato anche il ruolo dell’Intelletto nell’ascesa, Narbonne prova a risolvere la questione di tale “reconfiguration of the ascent of the soul” (p. 103) cercando sostegno nel capitolo 9 del trattato contro gli Gnostici (ll. 26 ss.), nel quale Plotino argomenta contro la visione salvifica proposta dal modello gnostico, che intravede in certe anime e solo in quelle la possibilità di collocarsi non solo “apart from other men”, ma anche “apart from the divine beings” (p. 108), con il risultato di creare una frattura nella continuità dell’essere intelligibile. Tale frattura, che Plotino avrebbe intravisto anche nella propria iniziale descrizione ‘mistica’, lo avrebbe condotto, con una maggiore ‘attenzione’ dettata dalla polemica anti-gnostica, a ridimensionare lo spirito ‘aristocratico’ della solitudine dell’anima, a favore di una situazione ascensionale maggiormente mediata.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Claudia Maggi, « Jean-Marc Narbonne, Plotinus in Dialogue with the Gnostics », Études platoniciennes [En ligne], 10 | 2013, mis en ligne le 01 mars 2014, consulté le 24 avril 2017. URL : http://etudesplatoniciennes.revues.org/247

Haut de page

Droits d’auteur

© Société d’Études platoniciennes

Haut de page
  • Revues.org