Navigation – Plan du site
Bulletin platonicien

Zina Giannopoulou, Plato’s Theaetetus as a Second Apology

Franco Ferrari
Référence(s) :

Zina Giannopoulou, Plato’s Theaetetus as a Second Apology, Oxford University Press, Oxford, 2013, pp. viii + 205

Texte intégral

1Questa importante monografia sul Teeteto, dovuta a una studiosa che al dialogo ha dedicato negli ultimi anni alcuni significativi contributi, parte dalle parole con le quali Eschine nell’orazione Contro Timarco (composta nel 345) etichetta Socrate come ‘sofista’, individuando la ragione della condanna da parte della democrazia da poco tornata al potere nel suo coinvolgimento nell’educazione di Crizia, uno dei leaders del governo oligarchico dei Trenta Tiranni (Tim. 173). L’attribuzione a Socrate dell’appellativo di ‘sofista’ riecheggia, come noto, l’immagine del filosofo che percorre le Nuvole di Aristofane e alla quale Socrate stesso allude all’inizio dell’Apologia.

2Secondo Giannopoulou il Teeteto rappresenta una sorta di ‘seconda apologia’, tramite la quale Platone si propone di distinguere l’attività del suo maestro da quella dei sofisti, mirando a salvaguardarlo da ogni forma di compromissione o anche solo di contiguità con questo movimento. Ciò significa che, secondo Giannopoulou, l’Apologia rappresenta il subtext che consente di comprendere in maniera adeguata la struttura e le finalità del Teeteto, come si legge nelle pagine introduttive del volume, il quale si propone appunto di fornire “an interpretation of Theaetetus in light of Apology: Socrates’ defense-speech serves as the subtext which informs his exploration of knowledge in Theaetetus” (p. 3).

3Il nucleo dell’interpretazione proposta dall’autrice consiste nella valutazione della maieutica del Teeteto come l’attuazione e lo sviluppo della socratica dichiarazione di ignoranza dell’Apologia. In altre parole, la formulazione del metodo maieutico e la sua applicazione nel Teeteto non costituiscono altro che la messa in atto del non sapere professato da Socrate nell’Apologia, dal momento che i vari tentativi di definire l’episteme mostrano che Socrate non possiede affatto ciò che si propone di ricercare insieme a Teeteto e Teodoro (p. 7). Il Socrate del Teeteto sarebbe dunque sostanzialmente digiuno (o innocente) del sapere epistemologico e metafisico sviluppato nei dialoghi centrali e, esattamente come il Socrate dell’Apologia, sarebbe perfettamente consapevole della pochezza del sapere umano nei confronti di quello posseduto dalla divinità. Ciò che per lui è davvero importante consiste nell’indagine e nella ricerca, ossia nell’amore verso la sapienza, e non nel possesso di essa (p. 13). La centralità della figura di Protagora si spiega con l’intento da parte di Platone di costruire un’immagine di Socrate che sia chiaramente e inequivocabilmente alternativa rispetto a quella dei sofisti, che nel dialogo vengono appunto rappresentati dal più illustre tra loro.

4Protagora gioca ovviamente un ruolo di primo piano nella discussione della prima definizione di conoscenza fornita da Teeteto, il quale equipara l’episteme alla aisthesis, ossia alla percezione (sensibile), o meglio alla totalità dell’universo percettivo. La celebre dottrina protagorea dell’homo mensura fornisce un primo quadro di riferimento alla risposta di Teeteto, e viene a sua volta fondata sull’ontologia del flusso, che nella sua versione più radicale è assegnata agli eraclitei. Giannopoulou si sofferma giustamente sulle ragioni che rendono la concezione di Protagora del tutto incompatibile con l’ottica socratica, e in tale contesto accenna sia all’annullamento della differenza tra vero e falso, che rende inutile l’expertise socratico, sia alla pretesa di assegnare all’uomo (e non al dio) la qualifica di ‘misura di tutte le cose’. Ma secondo Giannopoulou – e questo rappresenta uno degli elementi più originali ma anche più controversi della sua monografia – Protagora non sarebbe presente solo nella prima parte del dialogo, ossia all’interno della discussione della prima risposta di Teeteto, ma anche nel resto dell’opera, vale a dire nelle sezioni consacrate alla seconda e alla terza definizione avanzate dal giovane matematico, che propone di equiparare la conoscenza prima alla alethes doxa, e poi alla alethes doxa meta logou.

5In effetti, per poter sostenere che l’intero dialogo costituisce una ‘seconda apologia’ finalizzata a distinguere Socrate dai sofisti, l’autrice si trova in un certo senso costretta a estendere la presenza di questi ultimi, nella persona di Protagora, a tutto lo scritto, al prezzo, però, di forzare in maniera indebita l’andamento del dialogo. Tanto più che il nome di Protagora non compare nella seconda parte e gli studiosi sono inclini a individuare in altre figure, per esempio in quella di Antistene, il bersaglio polemico di Platone nell’ultima sezione del Teeteto. È poi il caso di aggiungere che all’interno della discussione sull’origine della falsa opinione Socrate sembra polemizzare, sia pure implicitamente, con la prospettiva implicita nella logica eleatica (si pensi al principio all-or-nothing) ed eventualmente con certi esiti eristici dell’eleatismo, mentre il punto di vista di Protagora viene ormai accantonato, dal momento che era stato definitivamente confutato nella prima parte della discussione.

6Non c’è dubbio che l’aspetto più convincente dell’interpretazione della Giannopoulou consista nel richiamo alla centralità del motivo della maieutica, il quale percorre effettivamente l’intera conversazione tra Socrate e i suoi interlocutori. Anche l’idea che la maieutica rappresenti in qualche modo la prosecuzione del tema del ‘non sapere’ non è priva di plausibilità. Tutto ciò spiega molto bene l’esito aporetico del Teeteto, che dipende prevalentemente dalla natura maieutica della conversazione. In effetti, occorre sottolineare con forza come la natura maieutica, ossia ‘estrapolatrice’, del Teeteto non trovi espressione solo nello sforzo di ricavare dal giovane matematico ciò che è contenuto nella sua mente, ma anche – e forse soprattutto – nel tentativo di ricavare da ogni dottrina messa in campo i presupposti e le implicazioni che ne consentono il funzionamento, e di vagliarne la consistenza teorica.

7Nel complesso mi paiono, invece, meno convincenti sia l’idea che l’Apologia costituisca il solo subtext del Teeteto, sia l’enfasi, a mio avviso eccessiva, sul non sapere socratico. A proposito del primo punto si può osservare che la comprensione di alcuni dei nodi teorici cruciali del Teeteto richieda il ricorso a concezioni sviluppate in altri dialoghi e assenti dalla Apologia; si pensi, per fare un solo esempio, alla dottrina delle idee, alla quale secondo la stessa Giannopoulou (che sembra però qui contraddire l’assunto dell’innocenza di Socrate rispetto alla metafisica platonica) Platone alluderebbe nell’ambito della discussione della terza definizione, e della quale non c’è traccia nell’Apologia. Quanto al secondo punto, non si può fare a meno di constatare che nel Teeteto, come per altro in tutti i dialoghi cosiddetti ‘aporetici’, il modo in cui Socrate conduce la conversazione presuppone il possesso da parte sua di un bagaglio piuttosto fornito di conoscenze, che mal si conciliano con la sua professione di ignoranza, che risulta dunque sempre strategica.

8Non c’è però dubbio che lo studio della Giannopoulou costituisca un contributo di primo livello alla comprensione del Teeteto e che da esso non sarà consigliabile prescindere nell’ambito di future indagini su questo complesso e affascinante dialogo.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Franco Ferrari, « Zina Giannopoulou, Plato’s Theaetetus as a Second Apology  », Études platoniciennes [En ligne], 12 | 2015, mis en ligne le 15 février 2016, consulté le 30 avril 2017. URL : http://etudesplatoniciennes.revues.org/729

Haut de page

Droits d’auteur

© Société d’Études platoniciennes

Haut de page
  • Revues.org